I benefici del the verde

/
img
I benefici del the verde
Quali sono le differenze tra le diverse varietà di the
Non particolarmente comune in Occidente fino a qualche anno fa, il the verde è molto diffuso in molte nazioni orientali. La sua differenza fondamentale con la versione del the nero deriva dal diverso processo di produzione che contraddistingue i due prodotti. Il nero è sottoposto ad un processo di fermentazione che ne trasforma in parte il colore e gusto, al contrario il the verde mantiene il proprio colore. Il the verde si coltiva ad altitudini molto elevate, specialmente nelle regioni montuose dell’Asia. Al giorno d’oggi, gran parte del the verde viene tuttora raccolto a mano. Già tale aspetto risulta collegato al fatto che questa varietà può vantare un gusto dolce e robusto al tempo stesso, nonché una maggiore tendenza a preservare le proprie caratteristiche benefiche. Inoltre, fattori quali il clima e il terreno arrivano ad influenzarne sapore e composizione sotto il profilo nutrizionale in maniera unica.
Tra le diverse varietà, la più popolare è certamente il sencha, le cui foglie vengono dapprima fatte cuocere al vapore e successivamente modellate. Lasciando in infusione le foglie di Sencha si arriva ad avere un the dal colore verde chiaro tendente al giallo, con un sapore leggermente dolce ed erbaceo.
Un’altra varietà molto popolare, il matcha, si ottiene da foglie di the verde che vengono coltivate rigorosamente all’ombra. Ne risulta che esse vantano una quantità di clorofilla più elevata, che si traduce a livello cromatico in un colore verde molto brillante. Per ottenere il the matcha, la foglia viene ridotta in polvere, alla quale viene poi aggiunta acqua calda e mescolata con cura prima di essere servita. Il gusto di questo the presenta dei sentori amarognoli e dolci al tempo stesso, un aspetto che lo rende prezioso anche per essere impiegato all’interno della preparazione di dolci.

Come consumare il the verde
Il the verde può essere acquistato sotto forma di foglie fresche, una soluzione ottima per sfruttarne a pieno tutte le proprietà, oppure in comode bustine, che però sono spesso mescolate con sapori diversi quali il lime e lo zenzero.
Qualora si acquistasse il the in foglie, si dovranno evitare quelle più vecchie: dopo circa quattro mesi le foglie superano il proprio picco di freschezza. Una volta che si sono comprate le foglie e si è aperta la confezione, esse devono essere riposte all’interno di un contenitore ermetico, da conservare in un luogo fresco e asciutto per evitare che il contatto con l’aria provochi rezioni che vadano a ridurre il numero di fitonutrienti contenuti nel the, oltre che ad alterarne il gusto.

Le proprietà benefiche di questa bevanda straordinaria
Esistono svariate indicazioni scientifiche che il the verde sia collegato ad un ridotto rischio di incorrere in certi tipi di cancro, così come nella perdita di peso. L’evideza degli studi recenti conferma in realtà delle constatazioni millenarie, che si basano su antiche tradizioni orientali. In questi luoghi, il the verde viene impiegato per curare i sintomi di diversi disturbi da tempo immemore. In virtù di tali benefici, sono molti i prodotti per la salute che oggi comprendono questo elemento naturale.
Il the verde vanta svariati benefici per la salute: ciò si deve certamente al fatto che questa varietà non subisce processi industriali. Esso è ricco di polifenoli, tra i quali principalmente i flavonoidi che agiscono come formidabili antiossidanti. Per antiossidante si intende un nutriente che aiuta il corpo a proteggersi da ciò che può metterlo in pericolo: ecco perché essi costituiscono un elemento importante di un regime alimentare che possa definirsi sano. Oltre che nel the verde, tali antiossidanti si trovano in gran parte di frutta e verdura. Anche se non si riesce a fare come in Oriente, dove viene consumato il the verde a pasto, cercare di berne il più possibile nel contesto di un’alimentazione sana, può aiutare a mantenersi sempre in salute.

Anteprima Seleziona campagne (19 selected)
This div height required for enabling the sticky sidebar
Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views :